Tecna

TECNA Srl

Strada Guidorossi 1/A
43126 Parma
tel. 0521.030551 - fax 0521.030543

Ambiente e sicurezza, non solo per slogan!

News

Riconoscere la situazione di emergenza, chiamare il 118 e in attesa dell’arrivo dell’ambulanza, agire con manovre che s130927-1638-cuore2ostituiscono le funzioni vitali interrotte (BLS: Basic Life Support ovvero supporto di base delle funzioni vitali ) e, se è disponibile un defibrillatore, tentare di ripristinare il battito cardiaco con la defibrillazione. Tutti possono imparare ad intervenire in caso di arresto cardiaco.

Tecna organizza il corso completo BLSD e il retraining in collaborazione con CRI di Parma. Ci proponiamo per diffondere le manovre di BLS e defibrillazione precoce tra la popolazione (personale non medico) , nel rispetto della normativa in vigore ( D.M. del 18 marzo 2011, Accordo Stato-Regioni del 27 febbraio 2003 e Linee Guida ERC 2015).

Gli obiettivi specifici della formazione sono la rianimazione cardiopolmonare e defibrillazione (BLSD) in età adulta e pediatrica (in brevità FULL D) e la disostruzione delle vie aeree da corpo estraneo.

Durata del corso: 5 ore corso completo da aggiornare ogni 24 mesi con il retraining di 3 ore.

Il DM del 18 marzo 2011, n. 120 definisce che tutto il personale sanitario non medico, nonche’ del personale non sanitario, che utilizza il defibrillatore semiautomatico (DAE), deve essere in possesso di idonea formazione validata e sistematicamente verificata.

Non vige l’obbligo per tutte le aziende di dotarsi del Defibrillatore semiautomatico (DAE), ma va valutata, sulla base dell’afflusso di utenti e di dati epidemiologici ed in base a specifici progetti, l’ opportunità di dotare di defibrillatori semiautomatici esterni i seguenti luoghi e strutture:

  1. luoghi in cui si pratica attività sanitaria e sociosanitaria:
    strutture sanitarie e sociosanitarie residenziali e semiresidenziali autorizzate, poliambulatori, ambulatori dei medici di medicina generale;
  2. luoghi in cui si pratica attività sportiva agonistica e non agonistica anche a livello dilettantistico (DM 24 aprile 2013, art. 5 comma 3), attivita’ ricreativa ludica:
    auditorium, cinema, teatri, parchi divertimento, discoteche, sale gioco e strutture ricreative, stadi, centri sportivi;
  3. luoghi dove vi e’ presenza di elevati flussi di persone o attivita’ a rischio:
    grandi e piccoli scali per mezzi di trasporto aerei, ferroviari e marittimi, strutture industriali;
  4. luoghi che richiamano un’alta affluenza di persone e sono caratterizzati da picchi notevoli di frequentazione:
    centri commerciali, ipermercati, grandi magazzini, alberghi, ristoranti, stabilimenti balneari e stazioni sciistiche;
    strutture sede di istituti penitenziari, istituti penali per i minori, centri di permanenza temporanea e assistenza;
    strutture di Enti pubblici: scuole, universita’, uffici;
    postazioni estemporanee per manifestazioni o eventi artistici, sportivi, civili, religiosi;
    le farmacie, per l’alta affluenza di persone e la capillare diffusione nei centri urbani che le rendono di fatto punti di riferimento in caso di emergenze sul territorio.

Per informazioni relative ai corsi: tel. 0521.030551 – info@tecnaparma.it

 

Invito Ambiente_Produzione

Steampunk goggles metal collage, isolated on white

Non perderci di vista, consulta il calendario del 1° semestre 2018 dei corsi sulla sicurezza previsti dal D.Lgs. 81/08.

Affidati a Tecna, ti affianchiamo nella scelta dei percorsi formativi per tutte le figure che operano all’interno del Servizio Prevenzione Protezione, Lavoratori, Preposti e Dirigenti,  addetti alle squadre di emergenza e gestiamo le scadenze dei corsi da aggiornare.

Scopri le nuove edizioni dei corsi in aula, potrai iscriverti online oppure tramite il modulo di iscrizione.

Oltre ai corsi in calendario, Tecna organizza in collaborazione con il Datore di Lavoro, percorsi formativi personalizzati presso le Aziende per:

  • Dirigenti e Preposti
  • Sicurezza per lavoratori
  • Addetti alle Squadre Antincendio
  • Addetti alle Squadre di Primo Soccorso
  • Igiene alimentare
  • Controllo dell’intero ciclo d’analisi e riduzione del rischio legionellosi
  • Privacy
  • Sistri
  • Conai
  • Gestione ambientale
  • Rischi specifici aziendali (lavoro in spazi confinati, lavori in altezza, utilizzo DPI III cat.)
  • Operatori utilizzo attrezzature da lavoro: carrelli elevatori semoventi, piattaforme aeree, macchine movimento terra, gru su autocarro, trattori)
  • Addetti utilizzo carroponte
  • Qualifica PES –PAV – PEI
  • Attività lavorativa in presenza di traffico veicolare
  • Corsi di aggiornamento
  • Seminari specifici

Per maggiori informazioni: tel. 0521030551 mail: a.brusco@tecnaparma.it

door-sign-1607503_960_720L’EBER gestisce, all’interno delle proprie attività istituzionali statutariamente previste, il Fondo Sostegno al Reddito e allo Sviluppo (FSRS) destinatario delle quote annuali versate dalle imprese aderenti. I destinatari, che hanno diritto alle prestazioni, sono le imprese e le loro maestranze che aderiscono all’EBER e sono in regola con i versamenti previsti.

In questa sede analizzeremo solo le prestazioni per le imprese a favore dei titolari o i collaboratori familiari o i soci, direttamente impegnati nelle attività aziendali (esclusi i soci di solo capitale), per le spese sostenute per corsi di formazione.

La partecipazione deve essere ad una dei seguenti punti:

  1. percorsi formativi collettivi rivolti agli imprenditori;
  2. percorsi formativi individuali rivolti agli imprenditori;
  3. seminari tecnici.

Il Fondo interviene con contributi sul costo orario da € 20,00 a € 50,00 e sui seminari tecnici con il 30% del costo della partecipazione, non superando mai il massimale di concessione € 1.200,00.
E’ ammessa una sola richiesta annua per ogni singola impresa.
Le domande dovranno essere accompagnate da programma del corso/seminario, durata del corso, scheda di adesione e della fattura e attestato di partecipazione.
Le richieste di intervento sono ammesse solo per via telematica attraverso il portale EBER – ABACO e vanno presentate per via telematica entro 90 giorni dalla emissione delle fatture di pertinenza.
Ricordiamo che nello stesso regolamento sono inseriti interventi a favore delle imprese artigiane che effettuano:

–           investimenti all’interno dell’impresa (inerenti al miglioramento dell’ambiente lavorativo in materia di ambiente e sicurezza, bonifica della bonifica dell’amianto, all’acquisto di nuovi macchinari, impianti o specifiche attrezzature, all’allestimento di automezzi, ristrutturazione o al rinnovo dei locali, misure di contenimento energetico, all’acquisto di programmi e software dedicati alla produzione);

–          implementazione di certificazione di qualità, alle procedure relative all’apposizione del marchio CE e alla rispondenza del prodotto alla direttiva macchine 89/392/CEE e al deposito di brevetti;

Per maggiori informazioni contattare TECNA srl t. 0521/030551

Meeting Business Corporate Business Connection ConceptPer iscriversi 4 semplici passaggi dal nostro sito:

  • scegli il rischio dell’azienda o della mansione svolta dal lavoratore;
  • aggiungi al carrello oppure acquista;
  • completa ordine e compila il form;
  • clicca “Ordina”

La tua iscrizione arriverà direttamente a Tecna, non ti resta che presentarti al corso per Lavoratori del 18 e 19  Settembre presso la sede Tecna.

Durante le due giornate saranno illustrati i contenuti per la formazione generale e specifica come previsto dal l’Accordo Stato Regioni del 26/01/2012. Ricordiamo che i datori di lavoro devono adempiere alla formazione obbligatoria sulla sicurezza per i lavoratori dipendenti, entro 60 giorni dalla data di assunzione.

 

Scopri le nuove edizioni dei corsi, potrai iscriverti online oppure  inviando il modulo di iscrizione compilato a info@tecnaparma.it

CALENDARIO

NEWS

Per maggiori informazioni:
tel. 0521030551 mail: info@tecnaparma.it

eberPossibilità richiesta contributo a fondo perduto dal 10% al 20% delle spese sostenute da imprese artigiane aderenti all’EBER.

L’EBER gestisce, all’interno delle proprie attività istituzionali statutariamente previste, il Fondo Sostegno al Reddito e allo Sviluppo (FSRS) destinatario delle quote annuali versate dalle imprese aderenti. I destinatari che hanno diritto alle prestazioni sono le imprese e le loro maestranze che aderiscono all’EBER e sono in regola con i versamenti previsti.

In questa sede analizzeremo solo le prestazioni per le imprese.

Sono previsti interventi a favore delle imprese artigiane che hanno aderito all’EBER (Ente Bilaterale Emilia Romagna) che effettuano:

  • investimenti all’interno dell’impresa (inerenti al miglioramento dell’ambiente lavorativo in materia di ambiente e sicurezza, bonifica della bonifica dell’amianto, all’acquisto di nuovi macchinari, impianti o specifiche attrezzature, all’allestimento di automezzi, ristrutturazione o al rinnovo dei locali, misure di contenimento energetico, all’acquisto di programmi e software dedicati alla produzione);
  • implementazione di certificazione di qualità, alle procedure relative all’apposizione del marchio CE e alla rispondenza del prodotto alla direttiva macchine 89/392/CEE e al deposito di brevetti;
  • interventi formativi;
  • ricostruzione e/o ripristino delle strutture aziendali danneggiate da eventi di forza maggiore (eventi atmosferici eccezionali, calamità naturali, incendio).

Le Commissioni Tecniche, dopo aver deliberato sulla accettabilità della domanda, e in possesso della documentazione relativa, provvederanno all’erogazione del contributo.
Le richieste di intervento sono ammesse solo per via telematica attraverso il portale EBER – ABACO.
Le richieste relative agli interventi di cui sopra, vanno presentate per via telematica entro 90 giorni dalla emissione delle fatture di pertinenza salvo alcuni casi.
La spesa minima deve avere come imponibile € 7.500,00 e per i soli punti di allestimento di automezzi e acquisto di software può abbassarsi a € 5.000,00 e € 2.500,00 per i punti Qualità, Marchio CE e Brevetti.

Ricordiamo, infine, che il rimborso/contributo non può superare il massimale di € 3.000 percepibili nel triennio.

Per maggiori informazioni contattare TECNA srl t. 0521/030551

tecna_corsi_parma_web

hands of worker in yellow gloves with hardhat and aluminium tool case, selective focus

Chi è il Preposto?
Nelle aziende i preposti hanno il “compito fondamentale di verificare la concreta attuazione delle procedure comportamentali stabilite dall’azienda, e dalla legge, tese alla protezione dei lavoratori e alla prevenzione dei rischi presenti negli ambienti di lavoro

Il preposto è colui che “sovrintende a tutte le attività cui è addetto un gruppo di lavoratori”.
E dunque i preposti sono “responsabili, nell’ambito delle specifiche attribuzioni e competenze, anche in materia di attuazione delle misure di prevenzione e protezione; in particolar modo hanno il dovere di:

  • vigilare in merito all’attuazione degli adempimenti di sicurezza;
  • vigilare sull’osservanza da parte dei singoli lavoratori delle disposizioni previste.
  • informare i lavoratori sui rischi a cui sono esposti;
  • vigilare sull’uso dei DPI;
  • verificare l’attuazione del piano di manutenzione delle macchine e predisporre verifiche e controlli sulle stesse;
  • segnalare ai superiori comportamenti scorretti o disfunzioni del sistema di prevenzione;
  • verificare se, nelle fasi di produzione, si presentino rischi imprevisti e adotta le opportune cautele.

In merito all’attività di sorveglianza e controllo, si può affermare che il preposto rappresenti quindi “l’occhio” del Datore di Lavoro e del dirigente sul posto di lavoro.

E se tale attività non è svolta in modo adeguato “è anch’esso responsabile per colpa in caso di infortunio e/o di insorgenza di malattia professionale”.

I preposti devono ricevere a cura del datore di lavoro, un’adeguata e specifica formazione e un aggiornamento periodico in relazione ai propri compiti in materia di salute e sicurezza del lavoro.

Nelle aziende i preposti hanno quindi il “compito fondamentale di verificare la concreta attuazione delle procedure comportamentali stabilite dall’azienda, e dalla legge, tese alla protezione dei lavoratori e alla prevenzione dei rischi presenti negli ambienti di lavoro”.

E anche prescindendo da una formale investitura da parte del datore di lavoro nella posizione di preposto con attribuzione dei compiti connessi e delle conseguenti responsabilità, “il preposto (anche di fatto) sarà comunque obbligato a rispettare e a far rispettare ai lavoratori la normativa antinfortunistica, in quanto espressamente menzionato tra i soggetti contitolari dell’obbligazione di sicurezza”.

Per maggiori informazioni sulla figura ed identificazione del Preposto e sui corsi di formazione da svolgere contattateci allo 0521/030551 o ad info@tecnaparma.it

corsi_tecna_web